Civitella Benazzone



Questo borgo medievale nasce intorno alla fine dell'XI secolo su di una collina a sinistra del fiume Tevere. Il nome Benazzone è da far risalire, con ogni probabilità, ad un importante personaggio della zona.


Nel 1186, Enrico VI ne affidò la signoria alla città di Perugia. Tra il XIV ed il XV secolo Civitella Benazzone fu interessata da diverse vicende. Nell'agosto del 1361 vi si rifugiarono i nobili perugini, che avevano partecipato alla congiura di Tribaldino per consegnare la città al cardinale Albornoz, e che poi subirono l'ira del popolo. Nel 1402 il borgo fu preso dalle truppe pontificie e fiorentine e recuperato dal Comune di Perugia l'anno successivo.


Lo stesso Comune, nel 1406, ne ordinò la fortificazione. Nel 1412, tuttavia, fu espugnato da Ladislao di Napoli. Nel 1446, Civitella venne esonerata dal pagamento dei dazi focatici perché fossero riparate le mura. Risale al 1575 la concessione, al Capitano Paolucci, del possesso di un torrione di Civitella Benazzone, a patto che egli vi facesse scolpire il Grifo di Perugia.


Torna alla pagina inziale dell'itinerario Montelabate e i suoi castelli